lunedì 23 settembre 2013

Principio di Ciclicità femminile


La natura della donna è ciclica. Essa è legata al principio dinamico di Vita/Morte/Rinascita.
 Così come si evolvono le stagioni le donne passano da un'essenza ad un'altra.
La natura della donna, a differenza di quella maschile che segue il principio della linearità (che prevede un pensiero logico, conseguenziale, comulativo), è portata ad un approcio olistico e creativo; la sua essenza la conduce in un
o stato di perenne creatività. Così come la natura crea e distrugge la donna è portata a costruire e a disfare.
La fase mestruale ogni mese mette in contatto la donna col principio di vita e di morte (l'ovulo è  la promessa, la sua essicazione rappresenta la morte che cederà il passo ad una nuova opportunità di vita).
Anche le fasi lunari, a cui noi donne siamo associate rievocano la nostra natura ciclica. Come la luna cresce e decresce, così le energie femminili si rinforzano e si indeboliscono.
Come la risacca del mare che bagna la sabbia e poi si ritira, così le energie femminili sono connesse ad un eterno movimento che riempe e svuota; di esteriorizzazione e di forza e di ritiro interiore, del donare e del ricevere, dell'accogliere e dell'abbandonare.
Anche la natura, come l'energia femminile, ha una fervida fantasia e creatività, ma fa anche pulizia e distrugge.
Distruggere ciò che è stantio conduce alla rigenerazione, all'apertura verso nuove energie che prenderanno il posto di enrgie ormai vecchie, logore stantie, inutilizzabili.
il principio di distruzione spesso e poco tollerato e accettato nella nostra società, perchè evoca qualcosa di pericoloso, ma esso è tutt'altro pericoloso, perchè senza morte non può esserci rigenerazione.
La fertilità rapresenta una piccola ma importante parte dell'energia femminile. Il nostro grembo e il nostro ciclo mestruale ci portano tanti doni e abilità. Il divino femminile è dinamico e stimolante, amorevole e caldo, magico e sensuale, creativo e intuitivo, forte e saggio.

Nessun commento:

Posta un commento